Un piacevole Week End a Napoli

4 giugno 2012

napoli

Annoverata tra le principali città della Magna Graecia nel corso della sua storia ha visto il susseguirsi di lunghe e numerose dominazioni straniere, stiamo parlando della splendida Napoli, culla di cultura e meta ideale per innamorarsi davanti ai tramonti del suo omonimo golfo, il suo centro storico è uno dei fiori all’occhiello dell’Italia, riconosciuto dall’Unesco, a ragion veduta, patrimonio mondiale dell’umanità.

Napoli sorge vicino al centro del golfo, dominato dal massiccio vulcanico del Vesuvio e delimitato ad est dalla penisola sorrentina, il suo clima mite e i suoi trecento giorni di sole splendente ne fanno una tappa ideale per le proprie vacanze e perché no, anche per un lungo week end alla scoperta della storia d’Italia. Per i visitatori a caccia delle offerte che permettano di visitare la città a costi irrisori, ecco una novità direttamente ideata dalla Regione Campania, che ha organizzato un sistema di card per visitare la città ed in generale tutta la regione con l’opportunità di ottenere sconti e agevolazioni in una rete di musei, centri culturali ed anche ristoranti e locali.

Esistono differenti card in base al numero di giorni del soggiorno prescelto, alcune ad esempio includono già il trasporto pubblico, altre invece includono percorsi speciali, ad esempio i Castelli di Napoli.  Il costo delle card varia da €12 a €30 a persone e la durata invece da 3 a 7 giorni. Esiste anche una card speciale per i più giovani, dai 18 ai 25 anni.

Su ArteCard è possibile scegliere la card che preferite e comprarla direttamente online. Per coloro che non ne fossero provvisti c’è sempre la tradizionale e mai fuori moda, camminata e Napoli  con i suoi caratteristici vicoletti regala un tocco retrò che tanto affascina i visitatori al loro arrivo, inducendoli a lunghe passeggiate. Si visita facilmente in due o tre giorni riuscendo ad apprezzare  gli elementi salienti che la contraddistinguono la città. Arriviamo a Napoli in treno uscendo dalla stazione centrale si trova subiro Piazza Garibaldi. In autobus è possibile raggiungere la bellissima Piazza del Plebiscito, sede del Palazzo Reale, residenza dei Borboni, durante il Regno delle due Sicilie e anche della Chiesa di San Francesco di Paola, che richiama al Pantheon di Roma e alla Basilica di S. Pietro per il suo colonnato esterno, a pochi metri si trova il Teatro S. Carlo, uno dei maggiori teatri lirici del mondo, dichiarato Patrimonio dell’Unesco, interamente costruito in stile gotico ad opera di Carlo D’Angiò nel 1279.

Continuando la passeggiata si arriva all’affascinante lungomare della città dove sarà possibile ammirare l’isolotto di Megaride,  dove  spicca Castel dell’Ovo, un antico castello il cui nome  deriva da una leggenda secondo la quale Virgilio avrebbe nascosto in un luogo segreto del castello una gabbia con all’interno un uovo magico, che proteggerà la città dalle avversità. Il primo giorno può concludersi con un lauto pasto a base di pesce, una ghiotta occasione anche per visitare l’antico Borgo Marinaro, che circonda la città, e finire la giornata con una bella passeggiata sul lungomare di Mergellina.

Da non perdere, quando ci si reca a Napoli, la visita a Napoli sotterranea, che comprende due percorsi, il primo attraverso l’acquedotto greco-romano e le sue cave di tufo, una parte del percorso fatto con le candele attraverso un breve tratto di gallerie, molto basse e strette, non indicato per chi non ama gli ama gli spazi troppo chiusi,  il secondo percorso sui resti del teatro greco-romano, all’uscita  ci sarà ad attendervi uno spettacolo mozzafiato, il Duomo, una grande Basilica, che ospita il Battistero di S.Giovanni, costruito intorno al 1349 e ristrutturato dopo i terremoti che nei secoli hanno colpito la città. Nelle vicinanze si trova via S. Gregorio Armeno, conosciuta in tutto il mondo perché vi si producono e si vendono le statuette del presepe più buffe e irriverenti. Se volete fare una foto indimenticabile recatevi a Posillipo sul santuario e da li sarà possibile immortalare uno scorcio indimenticabile dello splendido paesaggio fronte mare. Per coloro che possono godere di un giorno in più è consigliabile una toccata e fuga a Capri e Ischia dove partono gli aliscafi sia dal molo Beverello e sia da Mergellina, sarà una buona occasione per gustare i tipici taralli Napoletani.

Per terminare la giornata vale la pena di raggiungere la Certosa di S. Martino, costruita in stile barocco, che ha la particolarità di essere posizionata in collina con un panorama mozzafiato sulla città. Per un pasto come da trazione Napoletana è consigliabile recarsi in una delle tante antiche pizzerie, che oggi come allora offrono per la maggior parte pizze o cozze, la famosa frittura all’italiana, che altro non è che un fritto alla napoletana dove trovano posto i crucchè , i supplì, le zeppulelle (di pasta cresciuta), lo scagliuozzolo (di polenta) e i sciurilli con la pastetta  (con i fiori di zucchine).  Senza tralasciare i dolci tipici, come la sfogliatella che potete trovare nella versione riccia o frolla,  il babà con la crema o senza, una fetta di pastiera o torta caprese, e anche un buon caffè alla nocciola. Rimarrà nei vostri ricordi il brulichio dei banchini del pesce, i colori di una Napoli assolata, i profumi dei suoi vicoli stretti, il calore e l’accoglienza di una città dagli antichi fasti.

 

Storie: