Turchia: a Bodrun il Festival Internazionale del Balletto

3 agosto 2012

Turchia: a Bodrun il Festival Internazionale del Balletto

Appassionati di musica e balletto? Se sì, potreste cogliere la palla al balzo e visitare uno dei paesi più amati dai villeggiatori italiani e, al contempo, assistere ad un festival di caratura internazionale! Dall’8 al 24 agosto, infatti, a Bodrun, in Turchia, si terrà infatti la 10° edizione del Bodrum International Ballet Festival.

Il programma di quest’anno apre con la Turkish State and Opera Ballet che presenta il giorno 8 agosto lo spettacolo Love of Bodrum; a seguire ecco la Istanbul State Opera and Ballet con I dolori del Giovane Werther il giorno 11 agosto; i giorni 14 e 15 agosto è la volta della Izmir State Opera and Ballet con Zorba il Greco, con ospite d’eccezione il ballerino russo Irek Mukhamedov; il 18 agosto sarà in scena Harem della Ankara State and Opera Ballet; il 21 agosto seguirà la Compagnia di Antonio Gades con Blood Wedding – Suite Flamenca; chiuderà il Festival il 24 agosto la Ankara State and Opera Ballet Modern Dance Company con Sogno di una Notte di Mezza Estate.

Tutte le performance, che inizieranno alle 21.45, si svolgeranno all’interno del Castello di Bodrum.

Simbolo della città, il castello è conosciuto anche con il nome di Castello di San Giovanni e sorge su di una penisola rocciosa circondata per tre lati dal mare, situata fra due porti. I Cavalieri di San Giovanni ne cominciarono la costruzione nel 1406 utilizzando le pietre del famoso Mausoleo di Alicarnasso, antico nome della città, crollato in seguito ad un terremoto.

L’edificio, usato per un periodo come carcere, con l’annessione di un hammam alla fine del XIX secolo, acquisì le caratteristiche di struttura ottomana.

Oggi ospita il famoso Museo di Architettura Subacquea, il primo museo del genere in Turchia, visitato da migliaia di turisti all’anno. Nel Museo, che nel 1995 ha ricevuto il premio di “Elogio Speciale” durante il Concorso Europeo del Museo dell’Anno, si possono ritrovare importanti reperti dell’Era Neolitica, dell’Età del Bronzo e dell’epoca Uluburun; inoltre vi sono rari oggetti di vetro e la tomba e gli oggetti personali di Ada, principessa della Caria.

Storie: